Archivi categoria: coaching

Quando la volontà supera i limiti del corpo

Quando ti senti giù, quando non hai voglia di allenarti, quando non senti un motivo per vivere, quando senti che le energie se ne vanno, riposa e poi allenati.

Ogni giorno. E se troi una scusa che regga a questo video, guardati dagli autoinganni.

Chiediti sempre se ci fosse lui cosa farebbe

le “TRAINER RECRUITMENT SKILLS”

…le “TRAINER RECRUITMENT SKILLS” – il vero problema della FORMAZIONE E’ “CHI SELEZIONA I FORMATORI e COME“: Ci si danno criteri seri o si va al mercato  A OCCHI CHIUSI?

Il problema con i formatori è che non sono tutti uguali, ma bisogna imparare a riconoscerlise li conosci non ti uccidono…. chi ha valori personali scarsi, uno spessore morale rasoterra, divulga concetti sbagliati produce virus mentali, danneggia organizzazioni, chi al contrario divulga concetti, modi di essere e comportamenti utili fa del bene vero e aiuta veramente, per cui questi effetti “moltiplicatori” devono essere pesati attentamente.

Chi sceglie formatori sbagliati porta in casa dei danni, chi li sceglie correttamente porta in casa SOLUZIONI e aria buona… per cui esiste UNA COMPETENZA VERA E PROPRIA DELLA SELEZIONE DI FORMATORI ADEGUATI. Vogliamo chiamarle TRAINER RECRUITMENT SKILLS?

Suggerisco alcuni paramentri:

– studi di laurea – tipo e votazione

– altre specializzazioni universitarie estere (tipo, durata)

– affiliazione a sette o altre discipline dubbie… sembra uno scherzo, ma gli affiliati a sette di ogni tipo pullulano nella formazione al punto che il Governo Francese ha imposto che chi fa formazione nelle centrali nucleari francesi venga scrutinato nella sua appartenenza a sette e pseudo-sette… occhio!

– master o altri titoli: DA DOVE VENGONO, CHI LI HA DATI? Un master di 2 giorni non vale un Master Universitario, anche se la parola Master è la stessa

– anni di esperienza nella formazione

– parco clienti. chi ti dice Ibm, Microsoft, bla bla bla… potrebbe anche avere avuto 1 partecipante ad un corso pubblico… o averli INVENTATI DI SANA PIANTA, TANTO CHI CONTROLLA? Non è la stessa cosa che avere seguito l’azienda in un percorso!

– campi di esperienza variegati

– conoscenza di tecniche formative attive ed esperienziali

– qualcuno che ti dia alcune persone da chiamare come referenze

– TELEFONAGLI: Come si presenta, come parla, con che competenze di analisi, di ragionamento, di spessore personale? Saranno probabilmente le stesse che troverai in aula

– Pubblicazioni: c’è chi divulga e chi crea, bisogna capire con chi abbiamo a che fare

– Scuole scientifiche e autori di riferimento

– Partita iva o docenti universitari o part time? Se vuoi un parrucchiere lo vuoi che abbia un negozio di parrucchiere vero? Lo stesso vale per la partita iva dei formatori

– Viene lui/lei o manda altri? Subdolamente, c’è chi apre e chiude, poi manda ragazzini. Questa cosa va chiarita dall’inizio

– Body Language e Linguaggio: se trovi un medico che fuma come un turco, con la panza smodata, e ti parla di alimentazione sana, poniti qualche dubbio… lo stesso vale per chi parla di management pronunciandolo Managggggement, e via così…

– Chi vuole suggerire altro alla lista, è benvenuto…

Di che razza sono i veri formatori?

Si pensa ad un formatore spesso come ad un “insegnante” che “parla” a degli adulti. Spesso purtroppo è realmente così, nella realtà. In altri casi così appare, visto da fuori, ma magari si tratta di una fase di un “intervento” molto più complesso fatto di “formazione attiva” (case studies, role playing, problem solving, maieutica, videoanalisi, e tanti altri canali formativi), e per farlo serve una “razza” diversa da quella del tipico insegnante o docente.

Solo chi insegna con passione sa quanta differenza ci sia tra il “parlare” e il “fare formazione attiva”, e quanta attenzione serva in ogni istante, in ogni secondo, per tenere monitorati i livelli di attenzione dell’intera aula e di singoli partecipanti, osservare gli stati emotivi, capire se ci sono richieste non espresse, capire gli stati di interesse, osservare le micro-espressoni facciali dei partecipanti, capire se cambiare tema o stare di più o di meno in un’esercitazione o cambiarla… riprendere comportamenti sbagliati, alternare fasi teoriche a fasi esercitative, saper ascolta, così come avere la forza di contraddire qualcuno e portar avanti un concetto.

Per non parlare del gestire se stessi, le proprie energie fisiche e mentali, il loro fluire… mantenere focusing e concentrazione, per ore e ore, saper generare nuovi esercizi e momenti di apprendimento in funzione di quanto accade, e questo solo per citare alcune delle abilità continuative che vengono portate avanti con enorme dispendio energetico dal formatore serio.

Per gli altri? Basta “buttare su” qualche powerpoint… come fanno tanti docenti universitari, poi…  che in aula ci siano 1, 10, 100 o 1000 persone, niente cambia… non parlerei in questo caso di veri formatori, ma di oratori frontali, il che non è offensivo ma solo diverso nel modo di agire e nei risultati che si producono.

Paul Ekman – Emozioni identificate

rielaborazione da Wikipedia

imagesCA8SZZFSamore-a-prima-vista

Emozioni primari identificate:

  • Rabbia
  • Disgusto
  • Tristezza
  • Gioia
  • Paura
  • Sorpresa

Ekman ampliò la sua lista di emozioni base nel 1992 aggiungendo:

  • Divertimento
  • Disprezzo
  • Contentezza
  • Imbarazzo
  • Eccitazione
  • Colpa
  • Orgoglio dei suoi successi
  • Sollievo
  • Soddisfazione
  • Piacere sensoriale
  • Vergogna

Paul Ekman (Washington, 15 febbraio 1934) è uno psicologo statunitense. È divenuto, grazie alle sue ricerche scientifiche, un pioniere nel riconoscere le emozioni e le espressioni facciali, è considerato uno dei 100 psicologi più importanti del ventesimo secolo ed è valso a Ekman l’ingresso nella lista (apparsa sul Times Magazine l’11 maggio del 2009) delle 100 persone più influenti del mondo.

Indice
1 Biografia
2 Lavoro
3 Innovazioni educative
4 Critiche
5 Curiosità
6 Opere
7 Voci correlate

Biografia [modifica]

Ekman è nato a Washington nel 1934 ed è cresciuto in Newark, New Jersey, Washington, Oregon e California del Sud. Paul Ekman è stato uno studente presso la University of Chicago e New York University. Nel 1958 ha conseguito il dottorato in psicologia clinica presso Adelphi University dopo aver praticato un anno di tirocinio nel Langley Porter Neuropsychiatric Institute. Ha ricevuto un Scientist Research Award dal National Institute of Mental Health (NIMH), nel 1971, che venne rinnovato nel 1976, 1981, 1987, 1991 e 1997. Per oltre 40 anni, il NIMH ha sostenuto la sua ricerca attraverso borse di studio, finanziamenti e premi. Nel 2001, Ekman ha collaborato con John Cleese nel girare un documentario per la BBC. Si ritirò in seguito nel 2004 come professore di psicologia, lavorava al Dipartimento di Psichiatria presso la University of California. Dal 1960 al 2004 ha lavorato presso il Langley Porter Psychiatric Institute.

Lavoro [modifica]

Il lavoro di Ekman sulle espressioni del viso ha avuto uno spunto di partenza dal lavoro dello psicologo Silvan Tomkins. Ekman ha dimostrato che, contrariamente alla convinzione di alcuni antropologi tra cui Margaret Mead, le espressioni facciali e le emozioni non sono determinate dalla cultura di un posto o dalle tradizioni ma sono universali ed uguali per tutto il mondo, ciò indica che quindi sono di origine biologica. Le espressioni “base” che trovò ad essere universali nel 1972 seguendo una Tribù della Papua Nuova Guinea isolata dal resto del mondo sono:

In un progetto di ricerca insieme al Dr.Maureen O’Sullivan, denominato Progetto Wizards (precedentemente denominato “Diogenes” ), Ekman scoprì le microespressioni facciali, le quali possono dare un contributo a rivelare se una persona mente o meno. Dopo aver testato un totale di 20.000 persone provenienti da tutti i ceti sociali, ha trovato solo 50 persone che avevano la capacità di individuare l’inganno, senza alcun addestramento formale. Questi talenti naturali sono noti anche come “Truth Wizards”, o maghi di rilevazione inganno dal contegno. Ha sviluppato il Facial Action Coding System (FACS) per classificare ogni espressione del viso umano. Ekman ha condotto e pubblicato ricerche su una vasta gamma di argomenti nell’ambito generale del comportamento non verbale. Il suo lavoro sulla menzogna, per esempio, non era limitato al viso, ma anche per l’osservazione del resto del corpo. Nella sua professione, utilizza anche la semiotica, la prossemica e la cinesica. Attualmente è nel Consiglio Editoriale della rivista Greater Good, pubblicato dalla Greater Good Science centro della University of California, Berkeley. I suoi contributi comprendono l’interpretazione della ricerca scientifica nelle radici della compassione, altruismo, serenità e spirito di collaborazione. Ekman ha lavorato anche a un software di rilevamento emozionale chiamato Face Reader. Lo stesso Ekman afferma però che nessuna macchina può sostituire l’uomo per rilevare le menzogne.

Innovazioni educative [modifica]

Ekman ha scritto un articolo in un numero della Greater Good Magazine dedicato alla fiducia. In questo numero, Ekman e la figlia Eva vengono intervistati sulla fiducia genitore-figlio. Il tema principale del colloquio si concentra sui vantaggi del fidarsi del proprio figlio, quanto per incoraggiare un comportamento degno di fiducia, e quello che serve per costruire la fiducia tra genitori e figli. Ekman è un collaboratore di Greater Good Magazine, Greater Good Science Center, University of California, Berkeley.

Critiche [modifica]

Il lavoro di Ekman, in particolare le sue applicazioni per la sicurezza aeroportuale attraverso la Transportation Security Administration ‘s “Screening di passeggeri Observation Techniques”, è stato criticato per non essere stato sottoposto al controllo di test scientifici.

Curiosità [modifica]

La vita del Dr. Paul Ekman è rappresentata anche in una serie televisiva, Lie To Me trasmessa su sky, nel canale fox. Cal Lightman è il protagonista della serie ed il fondatore del Lightmangroup, la serie è svolta sotto la consulenza dello stesso Ekman il quale afferma che nella serie le bugie si scoprono molto più velocemente e con molta più certezza rispetto alla realtà.

Opere [modifica]
Giù la maschera. Come riconoscere le emozioni dall’espressione del viso (2007)
Te lo leggo in faccia. Riconoscere le emozioni anche quando sono nascoste. (2008)
Le bugie dei ragazzi. Frottole, imbrogli, spacconate: perché i nostri figli ricorrono alla menzogna? (2009)
Felicità emotiva. (2010)
I volti della menzogna. Gli indizi dell’inganno nei rapporti interpersonali. (2011)
La seduzione delle bugie. (2011)

Coaching Mentale Dinamico e Alfagenico, in sintesi estrema….

….molti mi chiedono in cosa consista il Coaching Mentale per gli agonisti, lo spiego con grandissima sintesi:

Training Mentale Dinamico = reattività, riflessi, percezione aumentata, potenza nel colpo, lucidità tattica in combattimento, potenza fisica

Training Mentale Alfagenico = rilassamento, concentrazione, padronanza emotiva, ampiamento della coscienza, potenziamento tramite ipnosi e stati di trance, benessere emotivo e fisico

Dott. Daniele Trevisani

La Rabbia

kick daoshi volantino…la rabbia è la manifestazione di uno stato interiore che non corrisponde ai nostri ideali,  in quanto tale, è un segnale di allarme importante, da non lasciar covare.

Occorre agire per risolvere i problemi e inoltre scaricarla fisicamente anzichè diventando aggressivi verso persone che non ‘entrano, come invece fa la maggior parte delle persone poco consapevoli di sè.

  • Cosa mi provoca rabbia?
  • E’ rabbia o risentimento, rancore o paura?
  • Quali valori sento toccati da ciò che osservo nel mondo esterno, nel momento in cui provo rabbia?
  • Quali azioni radicali posso mettere in atto per cambiare le cose?
  • Come posso sfogare fisicamente la rabbia in azioni non aggressive verso gli altri? Sport… attività fisica….

E’ molto meglio lasciare sfogare la rabbia con uno sport aggressivo, piuttosto che lasciarla implodere dentro di sè o contro gli altri nella vita quotidiana.

______

Daniele Trevisani

Vivere intensamente lo sport: unire la preparazione fisica, tecnica e il Training Mentale

Daniele Trevisani Simona Galassisimona_galassi_21Simona-Galassi-31_image_galleryDa: Il Diario di SIMONA …(DA LEGGERE PER CHI AMA LO SPORT VISTO DA CHI LO PRATICA E NON DA CHI NE PARLA SOLO) PS. Fonte: Blog di Simona Galassi, Campionessa Mondiale di Boxe

05/05/2013
ALLENAMENTO FULL TIME!!!!

Nonostante la chance mondiale sia definitivamente sfumata e la certezza di un Titolo d’Europa non sia ancora una notizia ufficiale….il mio programma rientra nel vivo e i ritmi di lavoro tornano incalzanti….il lavoro di preparazione atletica con Davide Carli si sta trasformando da funzionale allo specifico dell’esplosività ed il lavoro è tosto ma con grandi risultati… da Ale Duran siamo tornati alla classica e nutriente dieta di pane e guanti e devo dire che sono soddisfatta del fatto che pian pianino sto metabolizzando i nuovi schemi motori su cui sto lavorando da mesi con Alessandro e sul ring sta venendo fuori una nuova spontaneità pugilistica che spero possa colmare alcune delle mie lacune soprattutto nello stile di combattimento puramente professionistico….a ciò si aggiunge il lavoro con Daniele Trevisani che il venerdì mi coinvolge nel mio terzo allenamento giornaliero in un lavoro un pò diverso dal solito: una commistione di apprendimento tecnico e mentale in forma dinamica (ovvero un’applicazione pratica ) e il training mentale nella sua forma più pura attraverso le sedute di rilassamento e visualizzazione( dove io puntualmente raggiungo uno stato di rilassamento tale dove i miei pensieri partono per la tangente e vanno per conto loro!!!) ….questa settimana abbiamo lavorato ad esempio sull’applicazione della potenza nei colpi e nella fase dinamica è stato interessante il percorso di avvicinamento all’applicazione massima dell’efficacia: curare tutti gli aspetti, la respirazione, l’intenzione del gesto e gli aggiustamenti della distanza , dell’equilibrio che mi hanno portato al risultato di riuscire a rovesciare a terra con un colpo il sacco con base a terra che nei primi tentativi si inclinava ma non intendeva subire il mio ko!!!!! …iniziamo intanto ad atterrare gli avversari scarsi…..ah ah !

Questa domenica di riposo è stata un pò spenta a causa del tempo grigio e della pioggia ma aver ritrovato i semplici momenti da passare con gli amici, quelli veri è stata una vitale linfa nella risalita della lancetta dell’umore!!!

 

Nota:

Simona Galassi, Campionessa Mondiale di Boxe, è una veterana del ring ed inoltre laureata in Scienze Motorie… ps, la simpatia ed umanità di Simona si possono descrivere a fatica… occorre conoscerla di persona

Empatia e ascolto. Il metodo a 4 livelli di ascolto per l’empatia aumentata

Empatia. Un metodo per l’ascolto empatico a 4 livelli di profondità (T4LE – Trevisani 4 Levels Empathy Model)

Aticolo di: Dott. Daniele Trevisani

L’empatia è la capacità di percepire le sensazioni, i pensieri, le emozioni di una persona. Gli stati emotivi e mentali di un essere umano sono percepibili da chiunque ma con un basso livello di dettaglio. Con un training adeguato, è possibile aumentare le capacità empatiche.

Alcuni dei principali contributi in merito:

  1. La bioenergetica (sviluppata da Alexander Lowen) ci permette di aumentare la nostra capacità di percepire messaggi non verbali provenienti dal body language e dalla postura. Le persone trasmettono la maggior parte dei propri stati d’animo proprio attraverso le posture ed il corpo “dissipa” emozioni che la voce spesso non riesce o non vuole trasmettere. Vedi The language of the body (New York, 1958, Macmillan – in italiano, Il linguaggio del corpo, Feltrinelli, Milano 1978-2003)
  2. Le tecniche di riconoscimento delle emozioni espresse dal volto, e il movimento dei muscoli facciali (Facial Action Coding System – FACS) di Paul Eckman consentono di riconoscere gli stati emotivi osservando con attenzione le micro-espressioni del volto umano.Si tratta di un training specifico che si orienta ad espressioni facciali che hanno in genere durate inferiori al 20° di secondo e passano generalmente inosservate, o producono una sensazione vaga e mal riconosciuta. Al contrario, un training sulle micro-espressioni permette di comprendere elementi che il piano verbale raramente riesce ad esprimere, ed arricchire l’ascolto fonetico con un “ascolto visivo” che parte dal volto umano. Per gli studi pionieristici vedi Ekman, P.; Friesen, W.V. (1971). “Constants across cultures in the face and emotion.”. Journal of Personality and Social Psychology 17: 124–129. Tra le pubblicazioni italiane recenti vedi
    • Giù la maschera. Come riconoscere le emozioni dall’espressione del viso (2007)
    • Te lo leggo in faccia. Riconoscere le emozioni anche quando sono nascoste. (2008)
    • Le bugie dei ragazzi. Frottole, imbrogli, spacconate: perché i nostri figli ricorrono alla menzogna? (2009)
    • Felicità emotiva. (2010)
    • I volti della menzogna. Gli indizi dell’inganno nei rapporti interpersonali. (2011)
    • La seduzione delle bugie. (2011)
  3. Le tecniche di colloquio in profondità sviluppate dalla psicologia umanistica di Carl Rogers permettono di entrare nel flusso cognitivo e cominciare a comprendere la visione del mondo che la persona di fronte a noi esprime, avvicinandoci al suo flusso di pensiero interiore. Per approfondiment:
    • Rogers, C. R. (1951) Client-Centered Therapy: Its Current Practice, Implications, and Theory, Houghton Mifflin
    • Rogers, C. R. (1961) On Becoming a Person, Houghton MifflinIn Italiano, i volumi suggeribili sono:
    • Rogers, C. R. (2000) La terapia centrata sul cliente, Firenze, Psycho,
    • Rogers, C. R. (1983) Un modo di essere, Firenze, Psycho
    • Rogers, C. R.; Kinget, G. M. (1970) Psicoterapia e relazioni umane. Teoria e pratica della terapia non direttiva, Torino, Bollati Boringhieri.

    Altri contributi:

    1. Lo studio dei processi di comunicazione interculturale è centrale per il concetto di empatia, elemento indispensabile per comprendere i ragionamenti di una persona che possiede norme, valori, comportamenti diversi. In caso contrario, l”empatia rimarrebbe confinata ai ristretti limiti di un incontro tra persone della stessa cultura. I contributi di ricerca in comunicazione interculturale sviluppati dal ricercatore Daniele Trevisani attraverso il metodo di ascolto a 4 livelli permettono di avere quattro diversi angoli di osservazione del flusso comunicativo e svolgere domande empatiche più approfondite rispetto ad un colloquio intra-culturale (vedi Trevisani, Daniele, 2007. Negoziazione interculturale. Comunicare oltre le barriere culturali. Franco Angeli editore, Milano).
    2. I metodi della Conversation Analysis (Analisi della Conversazione) permettono di ottimizzare le pratiche del piano verbale. Comprendono lo studio di meccanismi di gestione dei Turni conversazionali, fissazione dei temi di conversazione (Topic-Setting), cambio di argomento (Topic-Shifting), sequenze di apertura, sequenze di chiusura, mosse conversazionali di riparazione atte ad ottenere un colloquio fluido (Sacks, H., E. Schegloff & G. Jefferson 1974. “A simplest systematics for the organisation of turn taking for conversation”. Language, 50. 696-735).

Queste ed altre tecniche, quando combinate, permettono di svolgere un importante lavoro sull’empatia intesa come competenza allenabile, per chiunque abbia bisogno di praticarla. Es. genitori, insegnanti, coach, allenatori, psicoterapeuti, counselor, manager, dirigenti e leader.

L’approccio empatico prevede una concezione “centrata sulla persona”: ascoltare in profondità per capire la mappa mentale del nostro interlocutore, il suo sistema di credenze (belief system), e (nel caso del coaching direttivo o di operazioni consulenziali) trovare gli spazi psicologici per l’inserimento di una proposta o idea che modifichi la mappa mentale.

Il ricercatore italiano Daniele Trevisani ha svolto ricerche specifiche nel campo dell’empatia interculturale e dell’empatia comunicativa. Il primo contributo pubblicato nel 2005 (nel volume dal titolo “Negoziazione Interculturale Comunicazione oltre le barriere culturali”, Franco Angeli editore) presenta un modello che approfondisce il concetto di empatia sviluppandolo su 4 livelli. Si tratta di un modello pensato soprattutto per applicazioni di consulenza, di coaching, di terapia o di consultazione.

Nel metodoT4LE ( Trevisani 4 Levels Empathy Model) si distinguono alcuni tipi principali di empatia. In base agli angoli di osservazione:

  1. Empatia comportamentale: capire i comportamenti e le loro cause, capire il perché del comportamento e le catene di comportamenti correlati
  2. Empatia emozionale: riuscire a percepire le emozioni vissute dagli altri, capire che emozioni prova il soggetto (quale emozione è in circolo), di quale intensità, quali mix emozionali vive l’interlocutore, come le emozioni si associano a persone, oggetti, fatti, situazioni interne o esterne che l’altro vive.
  3. Empatia relazionale: capire la mappa delle relazioni del soggetto e le sue valenze affettive, capire con chi il soggetto si rapporta volontariamente o per obbligo, con chi deve rapportarsi per decidere, lavorare o vivere, quale è la sua mappa degli “altri significativi”, dei referenti, degli interlocutori, degli “altri rilevanti” e influenzatori che incidono sulle sue decisioni, con chi va d’accordo e chi no, chi incide sulla sua vita professionale (e in alcuni casi personale).
  4. Empatia cognitiva (o dei prototipi cognitivi): capire i prototipi cognitivi attivi in un dato momento del tempo, le credenze, i valori, le ideologie, le strutture mentali che il soggetto possiede e a cui si ancora.

Fig. 20 – Tipologie di empatia nel metodo ALM

4 livelli di empatia8.1. Elementi positivi e distruttivi dell’empatia

Favorisce l’empatia

Distrugge l’empatia

Curiosità

Disinteresse

Partecipazione   reale all’ascolto, non finzione

Fingere un   ruolo di ascolto solo per dovere professionale

Riformulazione   dei contenuti

Giudizio sui   contenuti, commenti

Pluralità di   approcci di domanda (domande aperte, chiuse, di precisazione, di   focalizzazione, di generalizzazione)

Monotonia nel   tipo di domande

Centratura sul   vissuto emotivo

Centratura esclusiva   sui fatti

Segnali non   verbali di attenzione

Body language   che esprime disinteresse o noia

Segnali paralinguistici   di attenzione, incoraggiamento ad esprimersi, segnali “fatici” (segnali che   esprimono il fatto di essere presenti e attenti)

Scarsa   dimostrazione di interesse e attenzione al flusso di pensiero

Assenza o   scarsità di segnali “fatici” e di contatto mentale

Fonti utilizzate per l’articolo

Negoziazione Interculturale

Comunicazione oltre le barriere culturali. Dalle relazioni interne sino alle trattative internazionali.

Franco Angeli editore, Milano, 2005. (172 pag.)

Regie di Cambiamento

Approcci integrati alle risorse umane, allo sviluppo personale e organizzativo, e al coaching.

Franco Angeli editore, Milano, 2007. (240 pag.)

Il Potenziale Umano

Metodi e tecniche di coaching e training per lo sviluppo delle performance

Franco Angeli editore, Milano, 2009. (240 pag.)

Strategic Selling

Psicologia e Comunicazione per la Vendita

Franco Angeli editore, Milano, 2011. (280 pag.)

Personal Energy

Una mappa per potenziare le Energie Mentali

Franco Angeli editore, Milano, 2013. (100 pag.)

Scheda su IBS

Scheda su IBS

Scheda su IBS

Scheda su IBS

Scheda su IBS

Il Coaching Mentale, per atleti o manager… questo sconosciuto

simona ritrattoRilevazione e smontaggio dei prototipi26022010074…so quanto sia distante il concetto di Coaching Mentale per atleti e manager, rispetto alla vita quotidiana… eppure… e in ogni caso, è mia missione nella vita far conoscere ciò che non si conosce, allargare la sfera delle conoscenze, come coach e come formatore, quindi ci sono abituato, ogni innovazione utile porta con se sospetto iniziale, poi curiosità, poi interesse e poi addirittura entusiasmo, e basta provarlo per capire quanto potente sia il beneficio nella vita e nella professione

dott. Daniele Trevisani

Formarsi a riflettere

simona ritratto WTA-Coach-DAVIDE-CARLI3 Prototipi come sistemi di credenze-valori-atteggiamenti

Spesso agiamo senza riflettere… e questo costa. Molti sportivi nella vecchia scuola venivano forgiati o massacrati da allenamenti esternuanti, senza alcuna forma di training mentale. Questo, per fortuna, sta cambiando…

In questo articolo, qualche riflessione sulla boxe, sugli sport di combattimento, sulla preparazione mentale più in generale, come veicolo per la crescita personale…